Presentata la «Carta dei Diritti degli Anziani»

Pochi giorni fa, la delegazione della Commissione per la Riforma dell’Assistenza Sanitaria e Sociosanitaria per la Popolazione Anziana, guidata da Monsignor Vincenzo Paglia, ha presentato al presidente del Consiglio Mario Draghi “Carta dei Diritti degli Anziani e dei Doveri della Società”. All’incontro era presente anche il Ministro della Salute Roberto Speranza. Nell’occasione, il capo del Governo ha affermato che la proposta di intervento presentata dalla Commissione sarà sostenuta. “Il lavoro elaborato da Monsignor Paglia e dalla Commissione è straordinario. Si tratta di una iniziativa di enorme rilevanza sociale ed etica. L’Italia deve garantire i diritti degli anziani, il rispetto della dignità della persona, in ogni condizione. L’assistenza sociosanitaria deve essere adeguata e responsabile”, ha commentato Draghi.

In arrivo in Lombardia Case e Ospedali di Comunità

È stato da poco approvato dalla giunta di Regione Lombardia il piano che porterà alla realizzazione di Case e Ospedali di Comunità nel territorio, potenziando così la sanità di prossimità. Tali strutture si occuperanno di prevenzione e promozione della salute, forniranno cure primarie e gestiranno pazienti cronici; inoltre, disporranno di ambulatori destinati a criticità non complesse e di un’area di servizi integrati con il Comune. In particolare, gli Ospedali di Comunità avranno fra 20 e 40 posti letto a bassa intensità. Alcune della Case di Comunità forniranno attività medica e infermieristica 7 giorni su 7 e 24 ore al giorno. Le altre resteranno invece aperte 6 giorni su 7 per 12 ore al giorno. Il progetto partirà da Milano, dove 7 di queste strutture potrebbero essere attivate nell’arco di un anno. In totale, nel capoluogo dovrebbero sorgere 15 Case di Comunità e 9 Ospedali di Comunità (uno per ogni Municipio).

Le sette proposte di Sin e Aima

In occasione della recente Giornata Mondiale Alzheimer, la Sin (Società Italiana di Neurologia) e Aima (Associazione Italiana Malattia di Alzheimer) hanno presentato il documento “Sette buoni motivi e sette proposte per non dimenticare l’Alzheimer”. In esso si auspica, tra l’altro, che le Case di Comunità previste dal PNRR includano i Centri per i Disturbi Cognitivi e le Demenze, che gli Ospedali di Comunità e gli infermieri di famiglia e comunità siano coinvolti sul territorio in modo da soddisfare le esigenze dei malati di Alzheimer e che sia creata un’ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) dedicata all’Alzheimer. Infine, nel documento si sottolinea l’importanza della formazione di caregiver professionali e del supporto ai caregiver familiari.

Curare la demenza nelle Rsa

In occasione del mese dell’Alzheimer, il professor Marco Trabucchi, presidente dell’Associazione Italiana di Psicogeriatria e direttore scientifico del Gruppo di Ricerca Geriatrica di Brescia, in visita a una Rsa ha affrontato il tema della possibilità di curare la demenza in queste strutture in maniera dignitosa e rispettosa dei familiari dei pazienti. “È importante rispettare tre regole fondamentali: instaurare col paziente un rapporto significativo e rivolgersi a lui con affetto; mai dirgli di no e assecondarlo il più possibile attraverso una relazione dolce; badare alla sua vita e soprattutto all’aspetto della nutrizione, poiché spesso da parte delle persone affette da demenza e disturbi comportamentali c’è il rifiuto a nutrirsi. È bene tenere sotto controllo il peso e seguirlo il più possibile. Per i medici, gli operatori e gli infermieri è indispensabile tenere buoni i rapporti con le famiglie. I familiari spesso soffrono per i propri cari nelle Rsa, ma è una sofferenza che si può risolvere informandoli periodicamente sull’evoluzione dello stato del paziente, supportandoli in qualsiasi momento, rispondendo a tutte le domande e i dubbi e rendendoli partecipi nelle attività di stimolazione sensoriale dedicate ai loro famigliari”, ha affermato il professor Trabucchi.

Dolore cronico e depressione, un legame “pericoloso”

Al recente Congresso Nazionale di FederDolore Sicd (Società Italiana Clinici del Dolore) è stata portata in evidenza la stretta relazione che lega il dolore cronico alla depressione. Da un lato, chi soffre di dolore cronico ha un rischio tre volte superiore alla media di ammalarsi di depressione. Dall’altro lato, chi è depresso ha una probabilità tre volte superiore alla media di sviluppare dolore cronico. Altro tema interessante emerso nel corso del convegno è che quando una persona ha entrambe le patologie, spesso la depressione non viene trattata adeguatamente.

Tumore al seno: in Veneto test genomici gratuiti

In Veneto, i test genomici da eseguire dopo l’asportazione del tumore alla mammella saranno a carico del Servizio Sanitario Regionale. Questi test sono consigliati in tutti quei casi in cui bisogna valutare se, nel post operatorio, sia utile ricorrere, oltre all’ormonoterapia, anche alla chemioterapia adiuvante. Il test, che viene effettuato su un campione di tessuto tumorale asportato chirurgicamente, può essere erogato solamente una volta per ogni paziente a cui è indicato ed è a carico della Regione anche per chi non risiede in Veneto.

Il Pdf
 del

numero
di

giugno

ULTIME NEWS

L’Aimo a congresso a Roma

Si svolgerà dal 30 settembre al 2 ottobre all’Hotel Villa Pamphili di Roma “Torniamo a vederci”, 12esimo congresso nazionale di Aimo (Associazione Italiana Medici Oculisti), con una parte di relatori e pubblico che sarà in collegamento a distanza. Nel corso della tre giorni sono previsti incontri, dibattiti, tavole rotonde e corsi di formazione.

 

◊ ◊ ◊

 

Due corsi online sull’Alzheimer

È possibile iscriversi a due corsi online sulla malattia di Alzheimer curati da Pietro Vigorelli. Il primo ha il titolo “Alzheimer. Come parlare con le persone con demenza”; al link

https://www.saepe.it/corso.php?uec=649 ci si può iscrivere a quello rivolto a medici, psicologi, educatori e operatori sanitari che necessitano di ECM, mentre bisogna collegarsi a

https://www.saepe.it/corso.php?uec=650 per effettuare l’iscrizione al corso destinato a tutti (Oss, operatori sanitari che non necessitano di ECM, volontari, familiari dei malati eccetera). Il secondo corso si intitola “Alzheimer: introduzione all’Approccio Capacitante”. Medici, psicologi, educatori e operatori sanitari che vogliono partecipare e che hanno bisogno di ECM devono cliccare sul link

https://www.saepe.it/corso.php?uec=618,

 mentre al corso per tutti ci si iscrive al link https://www.saepe.it/corso.php?uec=619. Per informazioni: info@gruppoanchise.it.

 

◊ ◊ ◊

 

Esami&co: un numero per “ridurre” l’attesa

Un milione e 300mila. A tanto ammontano, secondo Senior Italia Federanziani, le prestazioni arretrate del Servizio Sanitario Nazionale. Per offrire agli over 65 un punto d’ascolto e un sostegno per aiutarli a far sì che i Cup rispettino i tempi indicati dai medici per le visite specialistiche, Senior Italia Federanziani ha attivato un numero telefonico (06.62274404), raggiungibile da fisso e mobile dal lunedì al venerdì, dalle 9,30 alle 13 e dalle 15 alle 17,30.

 

◊ ◊ ◊

 

Sigot: tante iniziative in serbo

Da un lato, la vaccinazione contro il Covid 19 sta dando i suoi frutti. Dall’altro, il mancato rispetto dei programmi di cura e di prevenzione delle malattie croniche sta avendo ripercussioni non certo positive. Anche per migliorare questo aspetto la Sigot (Società Italiana Geriatria Ospedale e Territorio), che si è da poco riunita per il suo congresso annuale, ha in programma per ottobre alcune iniziative per incentivare le vaccinazioni antinfluenzale, antipneumococcica e contro l’herpes zoster per gli anziani più fragili, come gli ospiti delle Rsa.

 

◊ ◊ ◊

 

Senior Italia: nuovo presidente del Comitato Scientifico

È Antonio Magi il nuovo presidente del Comitato Scientifico di Senior Italia FederAnziani, che definisce l’indirizzo dell’organizzazione. Oltre che tale incarico, Magi, che in passato è stato presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Roma e Provincia, ricopre anche quello di segretario generale del Sindacato degli Specialisti Ambulatoriali del Sumai Assoprof.

 

◊ ◊ ◊

 

 

 

 

 

ISCRIVITI
ALLA
NEWSLETTER DI SESTASTAGIONE

CLICCA QUI

Copyright © 2017 - Tecnezia srl - Via Macedonio Melloni, 24 - 20129 Milano - P. IVA 12964990159 - Tutti i diritti riservati