Adiconsum spinge per rendere il fascicolo sanitario interoperabile

In occasione del recente convegno “Il Fascicolo Sanitario nel Lazio, tra analisi dello stato dell’arte e iniziative future”, Adiconsum ha ribadito che senza interoperabilità l’attuale fascicolo sanitario non tutela la salute dei cittadini e fa lievitare i cisti dello strumento, rendendo così inefficace lo strumento. “Sebbene il fascicolo sanitario elettronico sia stato istituito nel 2012, a oggi il personale sanitario di una regione diversa da quella di residenza del paziente non può accedere ai dati del malato che ha bisogno di cure, costringendolo a riprogrammare analisi, visite e quant’altro, allungando in questo modo i tempi di intervento e facendo lievitare i costi della sanità. Questa mancata interoperabilità dei sistemi sanitari regionali non sta tutelando la salute dei cittadini-consumatori e diminuisce sensibilmente l’utilità e l’efficacia di questo strumento. Adiconsum sostiene la proposta e partecipa attivamente, insieme all’Associazione Italian Digital Revolution (Aidr), per rendere il fascicolo sanitario elettronico interoperabile”, ha dichiarato Carlo De Masi (foto), presidente di Adiconsum nazionale. (foto Ufficio stampa)

20 pensieri riguardo “<strong>Adiconsum spinge per <em>rendere il fascicolo sanitario interoperabile</em></strong>

I commenti sono chiusi.